Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9 - 19.30 | Dom Chiuso

Andrea Tarabbia vince il Campiello 2019

“Madrigale senza suono” di Andrea Tarabbia (pubblicato da Bollati Boringhieri) è il romanzo vincitore del Premio Campiello 2019: con il suo protagonista Gesualdo da Venosa, madrigalista geniale, folle e criminale, lo scrittore lombardo ha conquistato 73 voti sui 277 espressi dalla giuria.

“Attraverso il personaggio di Gesualdo racconto il rapporto tra il bene e il male, tra il bianco e il nero. Madigralista finito nell’oblio, aveva ucciso la moglie ed era un genio. Ho provato a mettere insieme tutti questi elementi mescolando il passato con il Novecento” ha raccontato l’autore.

Al secondo posto con 60 voti c’è “Carnaio” di Giulio Cavalli (Fandango), scrittore e autore teatrale che dal 2007 vive sotto scorta a causa del suo impegno contro le mafie. Terza piazza per Paolo Colagrande con “La vita dispari” (Einaudi), quarta Laura Pariani con “Il gioco si Santa Oca” (La nave di Teseo) e all’ultimo posto con 38 voti Francesco Pecoraro con il suo “Lo Stradone” (Ponte alle Grazie).

“Madrigale senza suono” succede a “Le assaggiatrici” di Rosella Postorino, romanzo vincitore nel 2018, e scrive il proprio nome in un albo d’oro che vanta autori del calibro di Giorgio Bassani, Mario Rigoni Stern, Margaret Mazzantini e Antonio Tabucchi.

Per scoprire tutto quello che c’è da sapere sul Premio Campiello e sui principali riconoscimenti letterari mondiali, vi invitiamo a scoprire la sezione del nostro sito dedicata ai premi letterari

(notizia pubblicata il 17 settembre 2019)