Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9 - 19.30 | Dom 10 - 13 / 15.30 - 19.30

Outcast

Quando Juli rientra da scuola, trova la polizia e la casa sottosopra. Sua madre Laura è scomparsa. Sconvolta, si rende conto che nessuno, nemmeno suo padre, da cui Laura è separata, si stupisce e si preoccupa che possa essere accaduto qualcosa di terribile. Con l’aiuto di una nuova amica, una ragazza un po’ strana e piena di inspiegabili risorse, Juli si lancia nell’avventurosa ricerca di sua madre.

Scoprirà una realtà inaspettata, che da sempre le era stata nascosta: Laura è un’artista e i suoi quadri, che Juli pensava fossero rimasti solo entro le mura dell’atelier casalingo, sono in realtà molto apprezzati e custodiscono al loro interno un incredibile segreto. Ma non basta: Laura non è considerata una donna come tutte le altre e quelle come lei, che hanno poteri speciali, nell’era della normalità assoluta sono temute e al tempo stesso disprezzate.

Per Juli la verità apre improvvisamente nuovi orizzonti e il mondo nel quale era vissuta fino a quel momento, rigido e convenzionale, inizia a starle stretto. “Outcast” è la storia di una ragazza che si sta affacciando all’età adulta, della sua ricerca di identità e della sua ribellione a un mondo solo apparentemente perfetto.

Prenota la tua copia
Prenota la tua copia

Vuoi prenotare una copia di questo libro? Compila questo form: verificheremo la disponibilità del titolo e avrai 48 ore per andarlo a ritirare presso il punto vendita che ti indicheremo.

Maggiori
informazioni
(* campo obbligatorio)



Commenti

Il sottotitolo apparir� qui

One Response to Outcast

  1. LadyAileen says:

    Outcast è il primo volume di una nuova trilogia per adolescenti che mescola elementi distopici e fantastici. Storie sentimentali, in questo volume, non se ne fanno cenno anche se un personaggio maschile fa capolino nella vita della nostra protagonista. I volumi sono strettamente collegati pertanto è d'obbligo la lettura di tutti i volumi se volete sapere come andrà a finire la storia.
    Tutto inizia quando Juliane, una quindicenne figlia di genitori separati scopre che la madre è scomparsa in circostanze alquanto misteriose. Tutti sembrano aver preso fin troppo bene questa sparizione tranne lei. A questo punto, non le resta che indagare e quello che scoprirà non sarà facile da accettare.
    La caratterizzazione di Juliane è interessante e complessa. Per gran parte del romanzo assistiamo al suo conflitto interiore: da un lato si aggrappa a quello che le è stato insegnato sin da piccola (il fatto di essere una Normale quindi una ragazza modello, ubbidiente, accondiscendente, omologata e noiosa) mentre dall'altro emergono lati del suo carattere che non avrebbe mai immaginato di possedere.
    Ammetto però che in alcuni atteggiamenti non mi è risultata molto simpatica (Un po' dispettosa e viziata).
    Le vicende sono narrate solo attraverso il punto di vista di Juli (in prima persona), siamo in un'epoca chiamata Era della Normalità e la società è divisa in Normali (rigide regole, ordinati, niente tatuaggi e governano la città), Freak (l'opposto dei Normali) e infine le…. (non vi dico di che creatura si tratta ma sappiate che sono l'elemento fantastico della trilogia).
    Queste creature sono presentate in maniera ancora poco approfondita per cui bisognerà aspettare i prossimi volumi per conoscerle meglio.
    La singolarità di questa storia è che all'inizio sembra una società apparentemente come quella in cui viviamo oggi, solo procedendo con la lettura si scopre un mondo diverso. Però nonostante tutto non è poi così estraneo.
    Comunque dietro questa storia di pura fantasia, l'autrice non esita a trattare temi importanti quali l'accettazione delle diversità o l'emarginazione.
    Lo stile è scorrevole, semplice, leggero e si legge davvero in breve tempo anche se in questo primo volume la trama non presenta grandi rivelazioni salvo nel finale in attesa del prossimo libro per saperne di più.
    Rappresenta più un volume introduttivo con tante domande e pochissime risposte, forse avrei preferito un romanzo unico o un primo volume con svolte impreviste maggiori perché l'idea di base è buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *