Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9 - 19.30 | Gio 9 - 13 | Dom Chiuso

Bruno Barbieri in libreria!

Mercoledì 24 aprile 2019 è tornato a trovarci lo chef Bruno Barbieri, che ha scelto la Libreria All’Arco di Reggio Emilia per presentare il suo libro di cucina “Domani sarà più buono”.

Sostenibilità, lotta agli sprechi, consapevolezza alimentare: sono questi i valori al centro del nuovo libro dello chef bolognese, sette stelle Michelin ottenute in carriera e storico giudice di MasterChef Italia. Una raccolta di ricette che insegnano come utilizzare al meglio gli avanzi, per creare piatti sempre nuovi e più buoni.

Bruno Barbieri è lo chef che in Italia ha conquistato più stelle Michelin nel corso della sua quarantennale carriera. Da anni è protagonista del piccolo schermo, dove ha conquistato la popolarità grazie a “MasterChef Italia” (in onda su Sky Uno), in cui figura tra i giudici sin dalla prima edizione. Dal 2018 conduce “4 Hotel”, programma dedicato al mondo dell’hôtellerie, sempre su Sky Uno. Classe 1962, Barbieri trascorre l’infanzia nella campagna bolognese, prima a Sasso Marconi poi a Medicina, dove risiede tuttora la sua famiglia. Dopo aver frequentato l’istituto alberghiero a Bologna, a partire dalla metà degli anni Settanta vive le prime esperienze lavorative ancora giovanissimo sulla riviera romagnola, per poi scegliere di partire per gli Stati Uniti e lavorare nelle cucine delle grandi navi da crociera: un’esperienza che lo arricchisce e lo porta, al rientro in Italia, ad aprire con Igles Corelli il “Trigabolo” ad Argenta, nel ferrarese. Dopo questa indimenticabile esperienza, conquista una stella a Brisighella con il ristorante “La Grotta”, poi altre due stelle a Castelguelfo di Bologna con la “Locanda della Solarola” e si ripete nel veronese con la “Villa del Quar”. Dal 2016 ha iniziato una nuova avventura con “Fourghetti”, bistrot che segna il suo ritorno a Bologna. Continua a cullare il sogno, che prima o poi si avvererà, di prender casa a Parigi, la città dove vorrebbe vivere.

L’incontro è stato condotto dal giornalista Ugo Cennamo.