Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9 - 19.30 | Dom Chiuso

Paola Barbato ha presentato “Zoo”

Martedì 11 giugno 2019, alla Libreria All’Arco di Reggio Emilia, la scrittrice Paola Barbato ha presentato il suo thriller: “Zoo”. Anna viene rapita e portata in un luogo da incubo. Chi è stato, e perché? Mentre cerca di capire cosa le sia successo, dovrà pensare soprattutto a sopravvivere.

Quando si risveglia, Anna è intontita: è sdraiata a terra, ha male a una gamba, fatica a muoversi. I vestiti sono quelli del giorno prima, il pavimento è duro e davanti a lei ci sono delle sbarre. E’ in un capannone, dentro a una gabbia e non è l’unica a essere lì: ci sono altre gabbie, altre persone. Ma chi l’ha portata lì, e perché? L’unica cosa che i prigionieri sanno è che Lui sta arrivando. E che non c’è via d’uscita.

Paola Barbato è nata a Milano nel 1971. Scrittrice e sceneggiatrice di fumetti, ha esordito nel 1999 su “Dylan Dog” della Sergio Bonelli Editore, di cui oggi è una delle autrici di punta. Per la casa editrice milanese ha scritto anche i romanzi a fumetti “Sighma” (disegnato da Stefano Casini) e “Darwin” (su soggetto di Luigi Piccatto, che lo ha anche disegnato), diversi albi della collana “Le Storie” e le miniserie “Ut” (realizzata in collaborazione con Corrado Roi) e “Orfani: Juric”. Ha pubblicato i thriller “Bilico” (2006), “Mani nude” (2008, vincitore del Premio Scerbanenco come miglior giallo italiano dell’anno e di cui è uscita anche la versione a fumetti), “Il filo rosso” (2010), “Non ti faccio niente” (2017) e “Io so chi sei” (2018). Ha scritto il soggetto e co-sceneggiato la fiction “Nel nome del male” di Alex Infascelli, interpretata da Fabrizio Bentivoglio e trasmessa da SKY nel 2009. A novembre 2011 è andato online il suo webcomic “Davvero”, poi pubblicato in versione cartacea dalle edizioni Star Comics e Arcadia. Vive a Verona con il compagno Matteo Bussola (architetto, disegnatore di fumetti e scrittore), tre figlie e tre cani.

L’incontro è stato condotto dalla scrittrice reggiana Rita Coruzzi.