Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9-19.30 | Dom Chiuso

Presentazione della biografia di Pino Brumatti

Venerdì 9 febbraio 2018, alla Libreria All’Arco di Reggio Emilia, il giornalista sportivo Lorenzo Dallari e Mario Zaninelli hanno presentato il loro libro “L’ultimo dei miei eroi”, dedicato alla vita di Giuseppe “Pino” Brumatti, uno dei più grandi giocatori italiani di pallacanestro.

Le tappe che scandiscono la carriera di Brumatti ripropongono la vita di un atleta che avrebbe meritato più successi in campo nazionale e internazionale, e delineano il profilo di un uomo tenace che è stato anche parte di quell’evoluzione tecnica e regolamentare che il basket ha avuto dagli anni 60 fino a tutto il 2000.

Lorenzo Dallari, 59 anni, ha trascorso tutta la vita nello sport, prima giocato e poi narrato in TV. Ha iniziato ad amare il basket a Reggio Emilia commentando per tanti anni le partite delle Cantine Riunite e lì ha avuto il privilegio di conoscere Brumatti giocatore e uomo: con Pino ha vissuto un rapporto di cordiale e sincera amicizia durato fino all’ultima volta in cui si sono incontrati per sorridere insieme, nella splendida Reggia di Monza, quando uno dei più grandi tiratori della storia della pallacanestro è stato meritatamente inserito con altri campioni nell’Italia Basket Hall of Fame.

Mario Zaninelli, 56 anni, è milanese. La pallacanestro è da sempre una sua passione, nata in famiglia e coltivata per tutta la vita. Ha giocato nelle giovanili dell’Olimpia, dove ha avuto modo di conoscere e ammirare Brumatti. È anche docente di Educazione Fisica. L’altra sua passione è la conoscenza e diffusione degli scritti del monaco cistercense Thomas Merton, del quale traduce le opere più importanti. Al suo attivo ha anche la significativa collaborazione con Sergio Meda e Oscar Eleni per l’edizione della biografia dedicata a Cesare Rubini.

All’evento erano presenti anche tanti compagni di squadra di Pino Brumatti, ai tempi in cui ha vestito la maglia numero 6 della Pallacanestro Reggiana, e l’attuale patron della squadra, Stefano Landi.