Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9-19.30 | Dom 10-13 / 15.30-19.30

Nanni Cobretti, I 400 calci e il vero cinema!

Martedì 3 aprile 2018, alla Libreria All’Arco di Reggio Emilia, si è svolta la presentazione del “Manuale di cinema da combattimento”, la raccolta delle più incredibili recensioni pubblicate da I 400 CALCI. A diffondere il Verbo c’era Nanni Cobretti in persona, fondatore e dominus del sito.

Nato nel gennaio del 2009 e già vincitore per ben quattro volte dei Macchianera Internet Awards come miglior sito italiano di cinema, I 400 CALCI ha radicalmente cambiato il linguaggio della critica e restituito importanza a generi cinematografici considerati marginali come l’action e l’horror, unendo la preparazione ineccepibile dei suoi redattori (i cui nomi sono celati da irresistibili pseudonimi) a una capacità di scrittura fuori dal comune e a un umorismo e un’autoironia inediti per il settore. Il “Manuale di cinema da combattimento” contiene una selezione dei migliori articoli tratti dal sito, che spaziano da “Rambo” a “Mad Max: Fury Road”, passando per “Omicidio a luci rosse” e “Quella casa nel bosco”, più alcune recensioni inedite di classici come “L’esorcista” o “Grosso guaio a Chinatown”. Sulla copertina del libro (disegnata da Marcello Crescenzi) troneggia il “Sylvester”, premio cinematografico votato dai lettori del sito e la cui assegnazione viene effettuata ogni anno da ospiti d’eccezione (finora hanno partecipato, tra gli altri, Licia Troisi, Pierfrancesco Favino, Andrea Delogu e Claudio Lippi). Le illustrazioni del libro sono di David Genchi, mentre le prefazioni sono due: una scritta da Roy Menarini e una disegnata da Leo Ortolani.

Nanni Cobretti è il creatore di I 400 CALCI. Nato in Emilia, si divide fra Londra e Val Verde, dove trascorre le sue vacanze in compagnia del generale Esperanza, sedando rivolte e cacciando Predator. La sua competenza cinematografica è enorme, la sua capacità di scegliere i collaboratori non ha eguali. Oggi progetta fumetti, fa il doppiatore in una web-serie, scrive per Esquire e Screenweek.

L’incontro è stato condotto dalla giornalista Lara Ferrari.