Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9-19.30 | Dom 9.30-19.30

Premi Pulitzer 2017

pulitzer

E’ finalmente uscito “La ferrovia sotterranea” di Colson Whitehead, il vincitore del Premio Pulitzer 2017 come Miglior romanzo. Fra la altre opere premiate, vi ricordiamo le due già disponibili in Italia: “Panama Papers” di Bastian Obermayer e Frederik Obermaier e “Il ritorno” di Hisham Matar. Scopriamoli insieme!

“La ferrovia sotterranea” di Colson Whitehead (miglior opera di narrativa) racconta la storia, ambientata nella Georgia della prima metà dell’Ottocento, della giovane schiava nera Cora, che decide di tentare la fuga dalla piantagione di cotone in cui vive in condizioni disumane e comincia un arduo viaggio verso il Nord e la libertà. Servendosi di una misteriosa ferrovia sotterranea, Cora fa tappa in vari stati del Sud dove la persecuzione dei neri prende forme diverse e altrettanto raccapriccianti. Le motivazioni del premio citano “una sapiente fusione di realismo e metafore che combinano la violenza della schiavitù con il dramma della fuga, in un racconto mitico che parla all’America contemporanea”.

“Panama Papers”, scritto dai due giornalisti tedeschi Bastian Obermayer e Frederik Obermaier con la collaborazione dell’ICIJ (“The International Consortium of Investigative Jopurnalists”, una rete mondiale di oltre 300 giornalisti che condividono informazioni e si aiutano in caso di inchieste transnazionali), racconta struttura e prassi di diverse società offshore facenti capo a un unico studio di consulenza situato a Panama. Uno scandaloso meccanismo illegale che durava da oltre 40 anni e che occultava ingenti quantità di denaro appartenenti alle più diverse personalità mondiali della politica, del cinema, dello sport e della finanza. Un’inchiesta che ha avuto un’eco mondiale enorme e che è valsa a “Panama Papers” il Pulitzer come miglior inchiesta giornalistica.

“Il ritorno” di Hisham Matar (vincitore come miglior autobiografia) racconta invece il viaggio in Libia dell’autore 22 anni dopo l’arresto, l’incarcerazione e la successiva sparizione del padre, fiero oppositore del regime di Gheddafi. Un viaggio nella memoria e nelle ferite di una terra lacerata da anni di privazioni e tirannia, vissuto con il grande rimpianto di non avere neanche una salma da piangere o un luogo dove commemorare il padre, presenza sempre viva nei ricordi degli amici e dei parenti che Matar incontra durante il viaggio.

I Premi Pulitzer 2017 sono stati assegnati lo scorso lunedì 10 aprile alla Columbia University di New York.

Per scoprire tutto quello che c’è da sapere sul Premio Pulitzer e sui maggiori riconoscimenti letterari del mondo, vi invitiamo a visitare la sezione del nostro sito dedicata ai premi letterari.

(notizia pubblicata il 12 aprile 2017 e aggiornata il 25 settembre 2017)