Reggio Emilia
Via Emilia Santo Stefano, 3/D
Lun - Sab 9-19.30 | Dom 15.30-19.30
rugiada-san-giovanni

La rugiada di San Giovanni

La notte del 22 giugno 1944, un gruppo di partigiani di stanza sulle colline che circondano Reggio Emilia scende dal bosco in località La Bettola e si dirige verso il ponte che passa sopra al torrente Crostolo: l’ordine che hanno ricevuto è quello di farlo saltare, ma qualcosa va storto e la missione non riesce. Il mattino successivo la vita degli abitanti della zona riprende normalmente, nonostante la paura per quello che è successo la notte precedente. Tra di loro vi sono i Predieri, una famiglia di sfollati, e Rosa, una donna il cui marito è disperso in guerra. Vivono tutti all’interno della locanda, insieme a molte altre persone.

La sera dopo, i partigiani tornano a La Bettola per cercare di portare a termine la loro azione, ma questa volta scoppia uno scontro a fuoco con una pattuglia di soldati tedeschi che stavano facendo un sopralluogo in zona. Poche ore dopo, un gruppo di nazisti partiti da Casina (un paese lì vicino) arriva a La Bettola e ciò che ne seguirà sarà un eccidio efferato, in cui perderanno barbaramente la vita 32 civili.

Video

Il sottotitolo apparir� qui